Procedure concorsuali

Anche nelle situazioni di più profonda negatività, come avviene in presenza di procedure concorsuali, è possibile ricavare delle utilità, tramite i recuperi fiscali.

Recupero iva procedure concorsuali: oltre alla deducibilità a titolo di perdita, di cui il creditore può avvalersi, fin dal momento dell’apertura della procedura, è possibile, con la domanda di ammissione al passivo, partecipare alla distribuzione di eventuali riparti, ma soprattutto ottenere il recupero dell’IVA.

Formula Crediter

  • Recupero iva procedure concorsuali
  • Disamina gratuita delle posizioni creditorie.
  • Indagine preliminare presso i Tribunali competenti.
  • Monitoraggio costante delle procedure.
  • Puntualità negli interventi.
  • Redazione delle note di variazione.
  • Recupero importo IVA, a mezzo della dichiarazione mensile immediatamente successiva all’epoca del verificarsi di tutte le condizioni normative.
  • Compensi percentuali solo a risultato ottenuto.
  • Screening gratuito presso gli archivi aziendali.
  • Gestione on-line, tramite la piattaforma CrediterWeb.

Evitate la decadenza

A partire dal momento della conclusione della procedura fallimentare, è possibile emettere la nota di variazione per il recupero dell’IVA. Tale diritto deve essere improrogabilmente esercitato entro i termini di legge.

In difetto, svanisce ogni possibilità di recupero dell’imposta, per intervenuta decadenza.

 

 

Il recupero dell’iva nelle procedure concorsuali, alcune informazioni:

“La rettifica dell’iva dovuta per i casi di annullamento, recesso, risoluzione o per il mancato pagamento, in tutto o in parte da parte del debitore, per la presenza di procedure concorsuali in corso, è disciplinata dall’art.26 c.2 del D.P.R.633/1972.

Nel caso specifico delle procedure concorsuali, l’A.d.E., con le circolari 77/E/2000 e 8/E/2017 ha definito i requisiti richiesti per l’emissione delle note di variazione anche quando sia trascorso più di un anno dall’operazione che l’ha generata.

Questi requisiti sono caratterizzati sia dall’emissione e registrazione della fattura (D.P.R. 633/72), sia dalla insinuazione, del creditore, nel passivo fallimentare con relativa partecipazione alla procedura concorsuale.

Un altro aspetto importante da considerare, dopo che sia stata emessa la fattura, è appurare la data in cui l’insolvenza accertata venga giuridicamente ad esistere.”

    Autorizzazione al trattamento dei dati personali ai sensi del Regolamento EU 2016/679 (GDPR).
    In ottemperanza all’articolo 6 lett. b) del GDPR 2016/679 la informiamo che il trattamento dei suoi dati è necessario ai fini dell’esecuzione della sua richiesta. *

    Ai sensi dell’articolo 7 del GDPR previo suo specifico e distinto consenso la informiamo che Crediter Srl tratterà i Suoi dati per le seguenti finalità di marketing: Newsletters, invio di aggiornamenti, informazioni, promozioni in corso.

    La informiamo inoltre che ai sensi degli Artt. 15-22 del GDPR (diritti dell'interessato di accesso ai dati personali ed altri diritti), i dati verranno mantenuti all'interno della banca dati di Crediter Srl e potrete in ogni momento richiedere la modifica, la cancellazione dei Vostri dati e opporvi al loro utilizzo inviando una raccomandata a/r a Crediter Srl, Via G. Savelli, 120 35129 Padova o scrivendo a: o
    * Campi obbligatori